I test

prodotti da analizzare 2

 

Nella valutazione sensoriale delle caratteristiche degli alimenti, è utile distinguere i test di laboratorio dai test per i consumatori. I test di laboratorio comprendono tre differenti metodi:
• I Test discriminanti qualitativi sono finalizzati a verificare l’esistenza o meno di differenze tra due prodotti. Sono caratterizzati dalla semplicità e dalla rapidità di esecuzione e dalla facilità di interpretazione dei risultati. Lo scopo è quello di valutare se due campioni possano essere giudicati diversi rispetto ad un particolare attributo.
• I Test discriminanti quali-quantitativi sono diretti ad ottenere informazioni sulle entità delle differenze tra più campioni in riferimento ad una scala di misura (scale ordinali, scale ad intervalli, scale dei rapporti).
• I Test descrittivi sono utilizzati per identificare e quantificare gli attributi sensoriali che meglio caratterizzano un alimento. La Quantitative Descriptive Analysis (QDA) è una tecnica di analisi descrittiva che prevede una fase qualitativa, finalizzata alla generazione dei descrittori (attributi), e una fase quantitativa diretta alla valutazione dell’intensità dei descrittori generati, all’elaborazione statistica dei risultati e alla loro interpretazione al fine di ottenere profili sensoriali dei prodotti in esame.
Durante il test, il Panel ARSARP procede a descrivere le caratteristiche percepite in un campione sulla base di una scala costruita sulla base di opportuni standard di riferimento. Per ogni descrittore il giudice può esprimere un giudizio di intensità su una scala di valori compresi tra 1 e 7 (appena percepibile-elevato). Concluso il test, si procederà alla raccolta dei dati, all’elaborazione statistica e all’interpretazione dei risultati.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.