Valorizzazione Produzioni

Progetto “Valorizzazione delle produzioni vegetali molisane, mediante il recupero e la conservazione del germoplasma delle produzioni tradizionali ed attraverso l’individuazione di coltivazioni erbacee alternative” - programma ex articolo 15, settore ricerca e innovazione, risorse delibera Cipe n.20/2004

L’ERSAM (ora ARSIAM) nel mese di marzo del 2005, a seguito di specifico Avviso Pubblico del Presidente della Giunta Regionale, ha presentato la propria candidatura al Programma per la Ripresa dello Sviluppo del Molise – Programma ex art. 15, nel settore RICERCA E INNOVAZIONE, Misura 8.2 - Risorse delibera CIPE n. 20/2004 – AREA SISMA. La proposta progettuale denominata “Valorizzazione delle produzioni vegetali molisane, mediante il recupero e la conservazione del germoplasma delle produzioni tradizionali ed attraverso l'individuazione di coltivazioni erbacee alternative”, a seguito dell’istruttoria da parte del Nucleo Regionale di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici, è stato valutata positivamente e ammessa a finanziamento.
Il progetto di ricerca vede coinvolti quattro soggetti, due pubblici e due privati, che a vario titolo si occupano di agricoltura nella regione Molise e precisamente: l’ARSIAM, in qualità di soggetto capofila, l’Università del Molise, l’Ente di Beneficienza Francesco Di Vaira e il Consorzio Agrario. Nello specifico il progetto, da realizzare sull’intero territorio regionale, si compone di un unico intervento, articolato su due azioni, e precisamente:

la prima (AZIONE A) riguarda il recupero e la conservazione del germoplasma di specie autoctone erbacee ed arboree, finalizzato alla creazione di una banca dati elettronica e di un catalogo regionale delle specie e dei cloni conservati, oltre alla istituzione di siti di propagazione/moltiplicazione/conservazione anche per la produzione di materiale di pronto impiego, soprattutto in presenza di coltivazioni biologiche ed in particolari aree del territorio molisano,

mentre la seconda (AZIONE B) interessa l’individuazione di altre coltivazioni erbacee, in alternativa alle colture tradizionali, ed è finalizzata all’introduzione nell’avvicendamento colturale di specie e cultivar che garantiscano incrementi di reddito alle aziende molisane; ciò è reso necessario dalle conseguenze scaturite dalla riforma di Riforma di Medio Termine della PAC che prevede per le coltivazioni erbacee il disaccoppiamento totale, condizione questa che determina nell’imprenditore la necessità di valutare solo in funzione economica la scelta delle colture da inserire in rotazione.

Il progetto di ricerca è stato affidato per la realizzazione al Servizio “Attività di Supporto ai Servizi di Sviluppo Agricolo” della sede di Campobasso, dove opera l’Ufficio Ricerca e Sperimentazione: funzionario responsabile dr. agr. Michelina Colonna.

Attualmente è in fase di definizione il rapporto di concessione con la regione Molise e il perfezionamento del finanziamento.