Servizio Attività di Supporto ai Servizi di Sviluppo Agricolo, ARSARP sede di Campobasso

Funzionario responsabile: Michelina Colonna - agronomo
Personale assegnato: Maurizio Ricci

 L’Ufficio Ricerca e Sperimentazione, afferente al Servizio Attività di Supporto ai S.S.A. della sede centrale di Campobasso, realizza l’attività di propria competenza sull’intero territorio regionale attraverso i suoi due tecnici e con l’apporto specifico, in relazione ai singoli progetti da sviluppare, di altre unità delle sedi periferiche dell’ARSIAM. Si occupa prioritariamente di ricerca applicata e di sperimentazione sulle principali specie vegetali, con particolare riguardo alla identificazione, caratterizzazione e valorizzazione delle produzioni cerealicole autoctone molisane, di trasferimento delle innovazioni, di informazione e divulgazione dei risultati, di indagini sul territorio. Mantiene rapporti di collaborazione con gli Istituti Sperimentali del Ministero per l’Agricoltura, con le altre Agenzie di Sviluppo Agricolo e con le Università italiane ed in particolare con la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi del Molise, alla quale fornisce supporto e materiali per la redazione di tesi di laurea.
I risultati ottenuti con le attività svolte nella regione Molise sono stati elaborati e portati a conoscenza degli addetti al settore con la partecipazione a convegni e seminari in ambito regionale e nazionale, con l’organizzazione di incontri tecnici e visite guidate ai campi dove erano in atto le prove sperimentali/dimostrative. Parte degli stessi sono stati raccolti in forma di monografie, poster, quaderni divulgativi e articoli tecnici e sono stati pubblicati, anche in collaborazione con altre istituzioni, su riviste nazionali e internazionali. L’elenco delle pubblicazioni è di seguito riportato.

Pubblicazioni Scientifiche

Confronto Cereali

 
 Progetto “Prove di confronto varietale tra diversi cereali”
 
 
 
 E’ stata realizzata nell’annata agraria 2005-06 in agro del comune di Matrice una prova di confronto tra quattro varietà di frumento duro (Giotto, Vinci, Virgilio e Tiziana), tre di frumento tenero (Blasco, Guadalupe e Agadir) e due varietà di orzo polistico (Aldebaran e Mattina). I materiali sono stati messi a disposizione dal Consorzio Agrario Interprovinciale di Campobasso e Isernia, che ha utilizzato la prova per diffondere tra i propri soci i risultati ottenuti. Infatti nel mese di maggio, e successivamente a giugno, prima delle operazioni di raccolta, sono state organizzate le visite guidate per i cerealicoltori della zona. Inoltre a Gambatesa è stata impiantata una prova di confronto tra miscugli di essenze foraggere per produrre insilati e fieno. Nel mese di ottobre è stato organizzato a Termoli un convegno sulle problematiche della cerealicoltura molisana che ha visto la partecipazione di numerosi esponenti nazionali di ditte sementiere e istituti di ricerca. L’occasione si è rivelata propizia per la presentazione dei risultati ottenuti a Matrice.
Per l’annata agraria 2006-07 la sperimentazione è stata spostata in agro di Pietracatella utilizzando in totale 14 varietà, sempre forniti dal Consorzio Agrario, di cui 6 frumenti duri (Giotto, Vinci, Virgilio, Casanova, Dilan e Ariosto), 5 frumenti teneri (Blasco, Guadalupe, Agadir, Albachiara e Avorio) e 3 varietà di orzo (Mattina, Aldebaran e Manava).

Grano Saraceno

Progetto “Sperimentazione e valorizzazione del grano saraceno”
 
CampoL’ERSAM negli anni novanta ha introdotto in alcune aziende del medio e alto Molise, specialmente in quelle aziende interessate alla produzione di miele, la coltivazione del grano saraceno in secondo raccolto. Considerato l’interesse suscitato, da tre anni, in collaborazione con l’ENEA, con l’Università del Molise e con il Parco Tecnologico e Scientifico del Molise, viene realizzata una prova sperimentale di un progetto nazionale sulla valorizzazione del grano saraceno.
Nel 2006 è stato realizzato in agro del comune di Matrice un campo sperimentale che ha visto il confronto, con tre ripetizioni, di n.30 varietà reperite in tutto il mondo (Cina, Giappone, ecc..).
Sia la semina che la raccolta sono stati effettuati manualmente.

SemiDurante il ciclo sono stati effettuati tutti i rilievi fenologici e dopo la raccolta sono state effettuate le determinazioni analitiche sulle produzioni. I risultati sono stati elaborati di concerto con l’ENEA. I dati ottenuti sono stati utilizzati per la predisposizione di articoli tecnici.
Inoltre, con le varietà di grano saraceno più promettenti, sono stati realizzati campi dimostrativi utilizzando la seminatrice pneumatica dei cereali (adattata alla dimensione del seme); la raccolta è stata effettuata meccanicamente nel mese di settembre-ottobre. L’attività divulgativa è servita per diffondere l’innovazione tra gli agricoltori della zona, specialmente tra gli apicoltori.

Stoccaggio Differenziato

 
Centro di stoccaggio
L’ARSIAM (prima ERSAM) partecipa da anni al progetto nazionale relativo allo stoccaggio differenziato della produzione di frumento duro per grandi partite omogenee nei centri di raccolta. L’azione, nell’annata 2005-06, è stata realizzata con l’ausilio dell’unico spettrofotometro INFRATEC, collegato in rete con l’Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura di Roma, nei centri di stoccaggio del Basso e Medio Molise del Consorzio Agrario. I risultati ottenuti sono stati posti in tempo reale, e aggiornati settimanalmente, sul sito INTERNET dell’ISC con riferimento alla Regione Molise, provincia di Campobasso. Sul sito Internet dell’ERSAM inoltre è stato creato un link all’ISC per facilitare ai molisani la conoscenza dei risultati. I risultati inoltre sono stati pubblicati su L’Informatore Agrario n.31/2006 e presentati al convegno nazionale “Grano Italia” a Bologna nel mese di settembre 2006.
E’ in fase di avvio un progetto triennale che prevede l’acquisto di altre stazioni complete da posizionare in più centri di stoccaggio.

 

Risultati Progetto stoccaggio differenziato - frumento duro annata agraria 2016-2017
Risultati stoccaggio - media generale per varietà annata agraria 2016-2017
 
Risultati Progetto stoccaggio differenziato - frumento duro annata agraria 2015-2016
 
Risultati Progetto stoccaggio differenziato - frumento duro annata agraria 2014-2015
 
Risultati Progetto stoccaggio differenziato - frumento duro annata agraria 2013-2014
 
Risultati Progetto stoccaggio differenziato - frumento duro annata agraria 2012-2013

 

Qualita' Frumento Duro

                         
Al fine di conoscere la qualità del grano duro raccolto nel Molise, così come accade da oltre un decennio, sono state realizzate le analisi merceologiche e qualitative (quali proteine, glutine, peso specifico, peso 1000 semi e umidità) sui campioni di granella di frumento duro, forniti da aziende e centri di raccolta dislocati sull’intero territorio regionale. L’occasione della consegna delle certificazioni è stata utilizzata per confrontarsi con i titolari delle aziende sulle problematiche e/o opportunità del settore agricolo e della cerealicoltura in particolare.

Conservazione Biodiversita'

 
Progetto “Biodiversità”
 
SpigheL’attività di individuazione, recupero, conservazione e valorizzazione della biodiversità vegetale è svolta dai tecnici dell’Ufficio Ricerca e Sperimentazione dell’ARSIAM (prima ERSAM) da oltre quindici anni. Attualmente nei locali del laboratorio è conservato il germoplasma delle specie cerealicole (frumento duro, frumento tenero, farro, mais) recuperato dai tecnici con indagini sull’intero territorio regionale.
Per quanto attiene all’attività di campo, anche nell’annata 2005-06, sono stati realizzati presso gli “agricoltori custodi” dell’Alto e Medio Molise, nell’ambito del progetto “Salvaguardia e conservazione delle specie cerealicole”, i campi di conservazione e moltiplicazione on farm e/o in situ delle popolazioni di farro e di altri cereali. E’ stato inoltre impiantato un campo di moltiplicazione dei mais locali. Sono stati effettuati tutti i rilievi di rito e i controlli alla raccolta ed è stato acquisito una parte di prodotto che viene utilizzato per le prove di trasformazione e caratterizzazione qualitativa.
E’ stato anche realizzato, in agro del comune di Matrice, il miglioramento genetico delle diverse popolazioni di farro molisane. Sono state impiantate le file/spiga per genotipi di farro autunnale e primaverile, nonchè la moltiplicazione delle masse di DMC, DMC 6+8 e DMC 7+8, e la conservazione del dicocco Capracotta e dicoccco Cercemaggiore, nonchè delle farrette 1, 2 e 3.
I tecnici hanno partecipato ai gruppi di lavoro nell’ambito del progetto nazionale Biodiversità, coordinato del Ministero, e alla rete nazionale dell’IPGRI per l’individuazione delle specie neglette presenti nelle varie regioni e suscettibili di utilizzazione nell’alimentazione umana.